Martedì 4 Giugno


IL SITO DEL FILM

È la storia di un bal folk, di un grande bal folk. Ogni estate più di 2000 persone confluiscono da tutt’Europa in un angolo della campagna francese. Per 7 giorni e 8 notti, ballano senza sosta, perdono la nozione del tempo, sfidano le loro stanchezze e i loro corpi. Si gira, si ride, si piroetta, si piange e si canta. E la vita palpita.


Laetitia Carton entra con la sua camera instancabile e discreta, notte e giorno, nel piccolo mondo cosmopolita che si raduna a Gennetines.  Tra stage e concerti improvvisati, ballerine e ballerini esperti o alle prime armi si conoscono, si ritrovano, si osservano e discutono a margine dei parquet, svelandosi all'occhio della regista. Attraverso le loro parole e quelle della stessa Laetitia (molte sono citazioni da testi poetici) il film tocca temi come il sessismo, l'esclusione, la passione, il rapporto con la tradizione e le distanze generazionali. Ma soprattutto coinvolge lo spettatore nell'alchimia creata dal vortice dei ritmi delle danze più diverse, quasi un viatico gioioso per un confronto più libero e serrato tra persone che mettono in gioco le loro timidezze, insicurezze e desideri. E nel respiro alternato tra concerti  e momenti di riposo, tra balli di coppia e di gruppo, lenti e sfrenati, facili e complicatissimi, provano a far andare all'unisono gesti, corpi ed emozioni. Un film per credere alla magia che è in noi ... (Da MyMovies)